Cinema cibernetica videoarti – donne e tecnologie.
Cagliari 6 aprile – 14 maggio 2005

frammento locandina
Immaginari e cibernetiche … narrative e soggettività

Il Circolo del Cinema “Circola nel Cinema Alice Guy” (FICC) propone, tra Aprile e Maggio, una rassegna di film e video sui sistemi degli immaginari e sulle forme narrative “Cinema, Cibernetica, Videoarti: donne e tecnologie” che ha ricevuto il sostegno della Regione Sardegna, Assessorato alla Cultura e Spettacolo. Si inizia con quattro film di fantascienza in programmazione presso Greenwich d’essai, di Via Sassari 65a: tutti i mercoledì del mese di Aprile alle ore 20.30 (a partire dal 6, a seguire il 13, 20 e 27). La sezione Sguardi incrociati apre con il classico di primo ‘900 Metropolis di Fritz Lang, per volare al volger di secolo e di millennio con Strange Days di Kathryn Bigelow per poi intrattenersi su due film molto peculiari Conceiving Ada e Teknolust della regista e cybervideoartista tedesco-californiana Lynn Hermann Leeson (in lingua originale inglese con sottotoli a cura del Circolo).. Entrambi si avvalgono della bellissima Tilda Swinton, sensibile e ironica icona degli attraversamenti di tempo, genere, e identità: in Conceiving Ada riporta in scena la storia di Ada Byron (figlia del noto poeta) fine matematica di primo ‘800 e visionaria anticipatrice dell’uso amichevole dei computer; in Teknolust gioca con Dna, Pc, identità multiple e incontri possibili…La domanda che poniamo è: chi l’ha detto che l’unica scena cibernetica possibile (e immaginabile) sia quella del crash postumano e delle fantasie incarnate nell’impianto simbolico guerresco e paranoico che il cinema e il sistema delle immagini mainstream per lo più ci propone?Il filo che ci guida è: fare altri giochi e immaginare altri mondi. La letteratura fantasy, S/F ed anche cyberpunk vede una notevole tradizione femminile e femminista e un archivio cospicuo di testi che, seppur molto letti e amati, sono poco visibili e conosciuti perché non rispondono al simbolico egemonico di potenza, quello delle “guerre stellari” e delle “attanaglianti paure di alieni”… Fare posto alle soggettività narranti, è quello che vogliamo condividere.La sezione Documentari e video In amicizia e sostenibilità che si terrà presso il teatro Alkestis, in Via Loru 31, è una panoramica delle differenze a partire da ciò che si realizza anche in casa nostra, con risorse leggere ma pregnanti e ricche di senso e di valore. Quindi non stop di video, medio e cortometraggi, venerdi e sabato 29 e 30 Aprile e 13 e 14 maggio a partire dalle 20,30 Il 29 aprile, ritratti: di Marilisa Piga e Nico di Tarsia, con le loro produzioni PaoFilm di Cagliari, Inventata da un Dio distratto. Ritratto di Maria Lai, la grande artista sarda che cuce l’arte nel suo modo meraviglioso; di Gianna Mazzini su progetto di Loredana Rotondo per “Vuoti di Memoria” Rai Educational, Alzare il cielo: Ritratto di Carla Lonzi, la preziosa prima femminista dell’autocoscienza e della differenza; di Alina Marazzi Un’ora sola ti vorrei, ritratto della propria madre Liseli Hoepli persa nella vita e ritrovata nella memoria, in autoproduzione Venerdì, commovente ricostruzione di tracce di memoria celebrato in molti festival internazionali; e poi Remembering Duse realizzato da Luisa Pretolani e Massimiliano Valli per Vaca (Vari Cervelli Associati di Ravenna) un ricordo della Duse morente (quella stessa che la Cineteca Sarda conserva in Cenere della Deledda) costruito sui racconti e le memorie di un vecchio italo-americano che l’ha avuta come madrina, per il tramite di sua nonna. Il 30 Aprile, uno sguardo sulla sopravvivenva tra ambiente e condizioni di vita: a partire da un bel ritratto della sapiente indiana Vandana Shiva Per amore della terra madre delle bolognesi EmiEdizioni, a seguire i sardi Contu de Antigoriu di Alessia Camboni e Francesco Capuzzi e I sopravvissuti dell’Allumix di Francesca Ziccheddu e Massimo Corradu. Il 13 maggio: video dalle rassegne di V-Art di Cagliari con selezione di materiali di Ana de Alvear e Miriam Durango. Poi corti e mediometraggi, autoproduzioni cagliaritane, tra cui Babele o magico labirinto? di Roberta Cinus ’00 (realizzato in occasione delle attività proposte alle scuole nel contesto del premio David Donatello), Bregungia di Manuela Cao ’02 (premio del pubblico a Cagliari in corto) e la prima di Cuore di mamma di Manuela Cao e Marco Gallus ’04, il mediometraggio Le amazzoni, un videoprogetto di Grazia Dentoni ’02 e il corto molto premiato Giornata Tipo N°1 (psspss) di Rossella Serri ’03. E, graditissima, una selezione del mail-magazine Pensamentus <pensamentus@tiscali.it></pensamentus@tiscali.it> Il 14 maggio video collettivi e soggettività queer. Trailer e spoTv delle bolognesi SexyShock e delle fiorentine FiLi; da un racconto di Porpora Marcasciano Tra le rose e le viole della coop. LeTecniche, Roma ’01; dai quartieri spagnoli di Napoli BettyBee. Ciao buccì. Sopravvivere d’arte di Didi Gnocchi ’99 ed in memoria di Lina Mangiacapre, organizzatrice di festival e regista oltre che artista e intellettuale versatile, Didone non è morta messoci a disposizione dall’archivio privato di Paola Ugo. La programmazione della rassegna e la responsabilità del web www.cinemadonne.it sono di Pia Brancadori e Daniela Zaccolo. Dobbiamo molte tracce e ricerche alla surfer Alex Comp. Il 6 Maggio dalle ore 16, 30 alle 19 Incontro Convegno presso TiscaliAuditorium sui saperi, le culture e le pratiche a soggettività femminile nell’ambito delle nuove tecnologie della comunicazione e dell’informazione “Per amore del mondo. Donne e nuove tecnologie” con tecnologe, esperte e studiose: tra le ospiti Marzia Vaccari direttrice di laboratorio d’informatica e responsabile del ServerDonne dell’Associazione Orlando di Bologna, Rita Bertoncini Webmastress, Luisa Marilotti Consigliera di Parità della RAS, Marilisa Piga regista cagliaritana, on. Giovanna Grignaffini Commissione Cultura al Parlamento/ docente di filmologia al Dams di Bologna.Siamo felici di inaugurare alle ore 19 l’esposizione Semenze di Rosanna d’Alessandro che resterà in mostra dal 6 al 20 maggio 2005 nella Hall del corpo centrale di Tiscali, sa Illetta.

Categorie: attività

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *